La Puglia in lutto per il disastro ferroviario. Annullati quasi tutti gli spettacoli in programma

Il giorno dopo il disastro ferroviario che ha colpito la Puglia con lo scontro tra i due treni sulla linea ferroviaria Bari Nord, i pugliesi si interrogano su ciò che è stato, su ciò che probabilmente si poteva evitare, su quello che si dovrà fare per evitare che stragi come quella avvenuta il 12 luglio, possano avvenire ancora.

Puglia -Rottami dei treni dopo l'incidente ferroviario tra Andria e Corato
Puglia -Rottami dei treni dopo l’incidente ferroviario tra Andria e Corato

A piangere i 23 morti non sono soltanto i parenti. Li piangono tutta la comunità pugliese, comunità che ha dato tutto ciò che poteva dare per salvarne anche uno solo in più rispetto a quel che alla fine il tragico risultato ha evidenziato.

La corsa sul luogo del disastro, la corsa verso gli ospedali per le donazioni di sangue, la corsa alla solidarietà.

Questa è stata la Puglia, questo è la Puglia e chi in Puglia ci è nato o chi per altri motivi in Puglia ci è arrivato e ci vive.

Dal Gargano e sino a Santa Maria di Leuca, tante le fiaccolate in memoria dei morti, tante le feste, gli spettacoli e i concerti annullati in segno di lutto.

A Bisceglie annullata la prima tappa di Battiti Live, a Barletta annullate tre serate in programma nel calendario dell’estate barlettana. Queste solo per citarne alcune, ma è in tutta la Puglia che i sorrisi,la musica e la baldoria,si sono spenti nel momento in cui quei due treni , con a bordo tanta gente e le loro storie di vita, hanno ridotto il tutto in un ammasso di rottami, di sangue e di sogni spezzati in pochissimi attimi.

Lascia un commento