Turismo religioso – In Calabria la poco conosciuta Chiesetta di Piedigrotta.

Si narra che verso la fine del 1600, un veliero,vittima di una forte tempesta,calò a picco. Il capitano di fronte ad un quadro della Madonna di Piedigrotta promise in voto che in caso di salvezza, avrebbe costruito,con il suo equipaggio,una chiesetta nel punto in cui avrebbero toccato la costa.
Una volta in salvo la promessa fatta fu mantenuta e così,i marinai ed il loro comandante, eressero una chiesetta votiva deponendo sull’altarino il quadro della Madonna a cui avevano fatto voto.

Dal 23 giugno al 2 luglio di ogni anno, e in occasione della ricorrenza della Madonna delle Grazie, la chiesetta di Piedigrotta  di Pizzo Calabro,torna ad essere protagonista di un rito religioso che rientra ormai da tempo nelle tradizioni popolari calabresi.

Uno degli angoli sacri presenti nella grotta a Pizzo Calabro
Uno degli angoli sacri presenti nella grotta a Pizzo Calabro

La chiesetta  è una delle opere più visitate in Calabria e accoglie da decenni una moltitudine di turisti e fedeli durante tutto l’arco dell’anno. Grandissima la popolarita soprattutto attraverso il passaparola dei turisti che,una volta all’interno della sacra struttura,non possono che rimanere in silenzio difronte a tale opera insolita.

Interno della Chiesetta di Piedigrotta a Pizzo Calabro
Interno della Chiesetta di Piedigrotta a Pizzo Calabro

La chiesa infatti,non è che un grande blocco di tufo scavato all’interno. Arcate e pilastri aprono e sostengono la roccia tufacea, scavata fin dentro il cuore del blocco unico che sfida il mare da secoli.

Una delle pareti di tufo scolpite a tema sacro
Una delle pareti di tufo scolpite a tema sacro

All’interno la Madonna di Pompei, la vita di Gesu e il presepe che richiama le tradizioni culturali meridionali.
Sulla volta del lato destro invece,S. Giovanni e l’Angelo della Morte.

Lascia un commento