Seleziona una pagina

Ntv starebbe seriamente pensando di mettere la parola fine all’avventura di Italo.

Ciò aprirebbe le porte al rischio di lasciare senza lavoro circa 5 mila persone tra occupati diretti e indotto.

Dei circa 110 treni in servizio prima dello scoppio della pandemia, Nuovo Trasporto Viaggiatori ne ha già lasciati fermi una trentina e sugli 80 ancora in servizio in media si viaggia al 30% della capacità.

I costi fissi sono troppo alti per poter sostenere l’emorragia dei ricavi.

Molto probabilmente quindi, dalla seconda metà di settembre,  si fermeranno 15 treni a settimana, fino ad arrivare allo stop completo che a questo ritmo potrebbe concretizzarsi entro fine ottobre.

Basterebbe che il governo decidesse di intervenire eliminando, o almeno riducendo i paletti,  sul 50%  di posti per i treni rispetto all’ 80% dei mezzi pubblici. e degli aerei che già da tempo possono volare al 100%, pur con l’obbligo di mascherine a bordo, come sugli altri mezzi. Sull’alta velocità invece,  rimane il vincolo del 50%.

 

 

Please follow and like us:
RSS
Follow by Email